Guido Bava

Sia che ricordi, sia che egli descriva situazioni reali o, ancora che si lasci travolgere dal sentimento, Fabio Clerici, fa della poesia. Ho detto poesia e, ribadisco “poesia” qualunque argomento egli tratti, da qualunque sentimento sia ispirato, da ogni situazione in cui è protagonista o spettatore, egli scioglie il suo canto. La musicalità dei versi arricchisce il contenuto facendo di ogni componimento un’opera a se stante, anche se il filo conduttore è sempre uno: l’amore che si esprime ora attraverso il sogno, ora riandando a felici momenti reali. Musica e parole, così il condivisibile giudizio di Kimerik Edizioni, ma io aggiungerei profondi sentimenti e invidiabile facilità nell’espressione dell’intimo.

I commenti sono chiusi